Orofaringe e Tonsille

L’orofaringe include strutture come le tonsille palatine (o amigdale), le tonsille linguali e l’intera base della lingua, i pilastri tonsillari, il palato molle. Spesso è sede di patologie infettive-reattive come la faringo-tonsilliti o faringiti o di piccoli tumori benigni come i papillomi.

LE CONDIZIONI PATOLOGICHE BENIGNE PIÙ FREQUENTI DELL'OROFARINGE E DELLE TONSILLE:

Sono rappresentate da lesioni simil-polipoidi (così descritte per il loro aspetto peduncolato con base di impianto in corrispondenza della superficie mucosa di rivestimento). Solitamente sono associate a infezioni da HPV a basso rischio quindi non rappresentano potenzialità maligne come è il caso invece delle lesioni associate ad infezione da HPV-16. La loro gestione ne prevede la rimozione per accertarne la natura. La rimozione può essere fatta in regime ambulatoriale con applicazione di anestetico locale.
Altre condizioni benigne che si verificano a carico dell’orofaringe e delle tonsille palatine sono la comparsa di neoformazioni cistiche spesso a contenuto mucoso. Possono manifestarsi all’improvviso per una loro crescita repentina. Generalmente il paziente lamenta un “fastidio” alla deglutizione oppure l’alterazione del tono di voce.
La terapia è chirurgica e solitamente in regime ambulatoriale con applicazione di anestetico locale oppure in caso di tumefazioni di grosse dimensioni viene predisposto un ricovero in Day Surgery (ricovero di un giorno) e la rimozione viene eseguita in sedo-analgesia o in anestesia generale in sala operatoria.
Il pezzo operatorio viene sempre inviato per esame istologico definitivo al fine di definirne con esattezza la diagnosi e quindi la sua natura.
Condizione clinica frequente negli adolescenti è la faringo-tonsillite, ovvero l’infezione che può essere virale o batterica delle tonsille palatine. È opportuno sottoporsi a valutazione specialista otorinolaringoiatrica al fine di ricevere la adeguata diagnosi e terapia.
Il paziente deve prestare attenzione in caso di frequenti infezioni delle tonsille perché a rischio di sviluppo di ascesso peritonsillare, condizione che pone indicazione a tonsillectomia una volta risolto l’evento acuto.
L’intervento di tonsillectomia viene eseguito con ricovero ospedaliero e la degenza di una notte. Prevede la rimozione delle tonsille palatine in anestesia generale in sala operatoria. È prevista una terapia analgesica con riposo fisico da osservare nei 10 giorni successivi all’intervento al fine di ridurre al minimo l’incidenza di complicanze. È necessario seguire alla lettera le indicazioni di comportamento post-operatorie che vengono rilasciate dal medico alla dimissione.

I TUMORI MALIGNI/CANCRO DELL'OROFARINGE:

Il carcinoma a cellule squamose dell’orofaringe, comunemente noto come cancro alla gola o cancro alle tonsille, è un tipo di cancro della testa e del collo che si riferisce al cancro della base e del terzo posteriore della lingua, delle tonsille, del palato molle e della faringe posteriore e laterale muri. L’incidenza del carcinoma a cellule squamose orofaringee sta aumentando a un livello allarmante sia nelle popolazioni anziane che in quelle giovani. Questa attività illustra la valutazione e la gestione del carcinoma a cellule squamose orofaringee e mette in evidenza il ruolo del team interprofessionale nella valutazione e nel trattamento dei pazienti con questa condizione.
Il carcinoma a cellule squamose dell’orofaringe (OPSCC), comunemente noto come cancro alla gola o cancro alle tonsille, si riferisce al cancro della parte centrale della faringe, noto come orofaringe, che si estende verticalmente dal palato molle alla zona superiore dell’osso ioide e comprende la base e un terzo posteriore della lingua, le tonsille, il palato molle e le pareti faringee posteriori e laterali.
Più del 90% dei tumori dell’orofaringe sono tumori a cellule squamose, che è il rivestimento cellulare dell’orofaringe.
Si possono distinguere due tipi di cancro orofaringeo, associato all’HPV, a causa di un’infezione orale da papillomavirus umano, e non associato all’HPV, principalmente a causa del fumo di tabacco e dell’uso di alcol.
Oltre all’invasione diretta dei tessuti, il cancro orofaringeo può diffondersi attraverso il sangue e i vasi linfatici. I principali sintomi del cancro orofaringeo includono mal di gola, odinofagia e disfagia. La diagnosi viene fatta sulla base dei risultati della biopsia del tessuto interessato. Il trattamento prevede la chirurgia, la radioterapia, la chemioterapia o una combinazione di queste terapie.
Eziologia:
L’eziologia del carcinoma orofaringeo è suddivisa in due categorie, carcinomi associati all’HPV e non associati all’HPV.
Il carcinoma a cellule squamose orofaringeo associato all’HPV si verifica in pazienti che sono stati infettati dal papillomavirus umano. Tra i molti tipi di papillomavirus umano, HPV16 è il tipo più comune riscontrato nei tumori orofaringei.
Il sesso orale e i baci a bocca aperta sono stati considerati i motivi più comuni per l’infezione orale da HPV.
D’altra parte, il fumo di tabacco e il consumo di alcol sono stati ampiamente identificati come i principali fattori di rischio per i carcinomi orofaringei non associati all’HPV. Altri fattori di rischio meno comuni includono una dieta povera di frutta e verdura, masticazione di betel quid, cattiva alimentazione, fumo di marijuana, esposizione all’amianto, alcune mutazioni genetiche come la mutazione P53 e le mutazioni CDKN2A (p16).
Il cancro dell’orofaringe è il sesto tumore più comune al mondo. L’HPV 16 è responsabile di quasi il 90% dei tumori orofaringei HPV-positivi e la prevalenza è maggiore nei maschi rispetto alle femmine. La presenza di OPSCC associata all’HPV è molto più elevata nelle tonsille e nella base della lingua. L’OPSCC associato all’HPV tende a verificarsi in una popolazione più giovane che fuma e beve meno; una percentuale più alta di loro sono maschi e segnalano più partner di sesso orale.
Nel caso dell’OPSCC associato all’HPV, la mucosa orale è esposta all’infezione da HPV, che persiste e non viene eliminata. Questa persistenza può portare a una lesione precancerosa che può regredire o meno. In caso contrario, alla fine passerà all’OPSCC invasivo. Le infezioni persistenti da HPV possono evolvere in cancro invasivo entro dieci anni. Tuttavia, la maggior parte di queste infezioni viene debellata in uno o due anni.
Diagnosi differenziale:
Le condizioni con presentazioni simili al carcinoma a cellule squamose orofaringee e che devono essere escluse includono:
Terapia:
Chirurgia e radioterapia sono le due principali modalità utilizzate nel trattamento dei pazienti affetti da tumori orofaringei. La chirurgia o la radioterapia possono essere utilizzate principalmente se il tumore è piccolo e non è avanzato. Tuttavia, se la malattia è avanzata o il tumore è più grande, viene utilizzata una combinazione di chirurgia e radioterapia.
L’implementazione di procedure minimamente invasive, come la microchirurgia laser transorale (TLM), come modalità di trattamento di prima linea per i carcinomi orofaringei, si è dimostrata sicura ed efficace. Altri metodi di resezione includono la chirurgia robotica transorale, la chirurgia videolaringoscopica transorale, la chirurgia ecografica transorale e la chirurgia endoscopica laringofaringea.
Dopo l’intervento chirurgico, si osserva un aumento della sopravvivenza nei pazienti sottoposti a chemioterapia di induzione o chemioradioterapia concomitante. Nel caso di tumori non resecabili, la chemioterapia concomitante a base di cisplatino, insieme alla radioterapia, è considerata il gold standard e ha dimostrato di essere migliore in termini di miglioramento della sopravvivenza rispetto alla sola radioterapia. Tuttavia, alcuni studi hanno mostrato un profilo prognostico parallelo dell’uso concomitante di carboplatino/paclitaxel nei carcinomi orofaringei di stadio III e IV non metastatici ma con minori effetti collaterali.
Sopravvivenza:
Il tasso di sopravvivenza globale a cinque anni nel carcinoma orofaringeo è di circa il 60%. Tuttavia, la prognosi varia a seconda dell’eziologia. Rispetto al carcinoma orofaringeo a cellule squamose HPV-negativo, il carcinoma orofaringeo HPV-positivo mostra una prognosi migliore e una maggiore risposta al trattamento. La maggiore sopravvivenza con il cancro associato all’HPV è dovuta alla biologia del tumore favorevole e a una popolazione di pazienti più sana e più giovane.
Prevenzione e regole comportamentali:
Per quanto riguarda la prevenzione primaria dell’OPSCC correlato all’HPV, i vaccini HPV mostrano un’efficacia superiore al 90% nella prevenzione delle infezioni da HPV di tipo vaccinale e delle lesioni precancerose anogenitali correlate. Pinto et al. hanno dimostrato che la vaccinazione induce livelli di anticorpi HPV nella cavità orale che correlano con i livelli circolanti. Uno strumento di screening utile per la diagnosi precoce del DNA dell’HPV nei risciacqui orali è promettente, ma sono disponibili pochissimi dati.
Dovrebbero essere consigliate abitudini sessuali orali sicure. Educare i pazienti sui rischi della masticazione del betel quid, dell’uso di alcol e del fumo di tabacco è di primaria importanza nel controllo e nella prevenzione dei tumori orofaringei.
Sono stati sviluppati nuovi e notevoli risultati per quanto riguarda le strategie impiegate nella diagnosi e nel trattamento del cancro orofaringeo. Questi includono l’uso della tecnologia basata su LASER per rilevare il carcinoma a cellule squamose orofaringeo nelle fasi iniziali, specialmente in contesti con risorse limitate, e la terapia mirata che rileva le mutazioni nei geni che provocano il cancro e le corregge, inibendo la crescita del tumore , la sua metastasi o vascolarizzazione bersaglio, segnalazione cellulare o vie di trasduzione.
Inoltre, la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato la vaccinazione contro l’HPV per prevenire le infezioni correlate all’HPV riducendo l’incidenza dei tumori orofaringei.
Un team interprofessionale composto da un oncologo, uno psicoterapeuta, un dentista, un dietista, un istopatologo, un chirurgo, un radioterapista, un otorinolaringoiatra, un igienista dentale e un infermiere chemioterapico garantiscono la collaborazione per arrivare ai migliori risultati possibili per quanto riguarda la diagnosi e la gestione di tali pazienti.
Questi professionisti sono anche in una posizione ottimale per influenzare e consigliare i pazienti su come smettere di fumare e limitare l’alcol, oltre a mantenere sane abitudini di vita come mangiare frutta e verdura, osservare l’igiene dentale e fare sesso sicuro, che possono contribuire a prevenire l’aumento incidenza del carcinoma a cellule squamose dell’orofaringe.
IN CASO DI CURIOSITÀ E NECESSITÀ DI RICEVERE UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO E/O DI AVERE UN SECONDO PARERE IN MERITO AL TRATTAMENTO CHIRURGICO I PAZIENTI POSSONO CONTATTARE LA DOTT.SSA MANNELLI PER RICEVERE LA DIAGNOSI E/O IL TRATTAMENTO TERAPEUTICO.